Oggi è dom 16 dic 2018, 14:33


Scrivi un nuovo argomento Rispondi al messaggio Pagina 1 di 4   [ 46 messaggi ]
Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo
Autore
Messaggio
 Oggetto del messaggio: [Article] Le regole dimostrate dalla statistica
MessaggioInviato: lun 22 apr 2013, 11:59 
Avatar utente

Iscritto il: ven 29 lug 2011, 12:38
Messaggi: 226
Buona sera, Forum!
Vi riporto delle considerazioni matematiche che ho fatto riguardo le Magic. Spero vi interessi.
Giampaolo.
-------------------------------------------------

Le distribuizioni ipergeometriche e il loro utilizzo in MTG.

Le distribuzioni ipergeometriche sono uno strumento di calcolo delle probabilità che consente di valutare le probabilità di pescare una carta o una serie di carte nella mano iniziale e valutare quanto la fortuna possa incidere su questo. Dunque sappiamo che:
La probabilità di trovare k copie di una carta all’interno di una mano composta da r carte, pescata da un mazzo di n carte è, sapendo che la carta che cerchiamo è disponibile in h copie nel mazzo:

Immagine


Le probabilità di pescare una carta.

Facciamo un esempio per rendere le cose più semplici anche a chi non è molto ferrato in matematica. Prendiamo un mazzo Enchantress. Il mazzo è composto da 60 carte (quindi n=60). Immaginiamo di voler sapere quante probabilità abbiamo di pescare nella mano iniziale una Argothian Enchantress (ne abbiamo quattro copie nel mazzo, quindi h=4). Nella mano iniziale abbiamo sette carte (quindi r=7) e vogliamo vedere qual è la probabilità di vedere una sola Argothian Enchantress nella mano iniziale (quindi k=1). Inserendo questi numeri nella relazione di sopra ottener rete P(k)=0,336. Questo significa che l’evento che avete scelto si verificherà nel 33,6% delle mani che aprirete. Allora possiamo utilizzare questo metodo per valutare le probabilità che abbiamo di vedere nella mano iniziale i 4x, i 3x, i 2x e gli 1x del mazzo. Ovviamente questa probabilità andrà diminuendo col diminuire del numero delle carte, però è interessante vedere di “quanto diminuisce”, visto che la relazione non è lineare. Inserendo i numeri nella relazione ma sostituendo ad h prima 4, poi 3, poi 2 e poi 1 si ottengono le probabilità di vedere in opening hand una sola copia di una carta presente rispettivamente in 4x, 3x, 2x e 1x. Possiamo anche aumentare il numero della stessa carta che vogliamo vedere in prima mano e rifare il calcolo (modificando questa volta k tenedo h fisso). Si ottiene questa tabella:

Immagine

Vediamo come fondamentalmente avere un 4x o un 3x non cambia di molto la percentuale di vedere quella carta in prima mano (la differenza è solo del 5,5%). Invece la differenza tra un 4x e un 2x è circa del 13% (già comincia ad essere evidente) ed è ovviamente ancor più marcato il delta tra 4x e 1x (circa il 23%).


La regola degli 8 Starter.

Come già detto altrove una buona norma di Deck-building prevede che nell’assemblare un mazzo si debba tenere presente che è ottimo avere a disposizione almeno 8 starter (cioè un complessivo di 8 carte a cc1 con cui iniziare la partita). Prendiamo sempre come esempio il mazzo Enchantress. Abbiamo 8 accelerini che possiamo considerare come “starter”: Utopia Sprawl e Wild Growth, entrambe in 4x. Quindi possiamo fare lo stesso calcolo di prima considerando la probabilità di pescare uno starter tra le prime sette carte della mano iniziale, ponendo h=8. Otteniamo P(k)=0,4217, quindi una probabilità del 42,17% di avere uno starter in prima mano. Questo numero è eccellente perché siamo vicini al 50% di possibilità di vederne uno in prima mano e se anche non ne pescassimo uno in prima mano abbiamo una probabilità di pescarne uno al turno successivo pari al 15% (8 possibilità su 53). Non avreste in alcun modo un numero maggiore di possibilità (a meno che non disponiate di più di 8 starter). Allora la tabella precedente può essere modificata come segue:

Immagine

Nella tabella ho messo gli “-“ dove il risultato non esiste (non potete calcolare la possibilità di avere 2 copie di una carta che avete messo in 1x) e ho messo i “…” quando il risultato diventa talmente piccolo da essere un evento che rasenta l’impossibile (se ci riuscite sappiate che non vi ricapiterà mai più nella vita).

8x (ad esempio 4 Utopia Sprawl e 4 Wild Growth) è il numero perfetto e paradossalmente è il numero che garantisce la massima probabilità di pescare esattamente 1 copia in opening hand di quelle carte. Infatti guardate la tabella, si ha 42% massimo di probabilità di avere esattamente un accelerino in mano con Enchantress se giochiamo 8 copie, se invece ne giochiamo di più (10x ad esempio) la probabilità è più bassa. Non è assurdo ne sbagliato. E’ corretto così. Infatti aumenterà la probabilità che peschiate PIU’ di un accelerino nella mano iniziale, ma non quella di pescarne esattamente uno. Se analizziamo la probabilità di pescarne 2 in prima mano però notiamo come giocare 10x dia una probabilità più alta (25%) rispetto all’8x (19%) e come questo divario aumenti all’aumentare del numero di copie (attenzione non è una relazione lineare, anche questa curva avrà un massimo e non sarà una retta). Quindi possiamo dire che la regola degli 8 starter fondamentalmente massimizza la probabilità di vedere una carta con la quale si vuole iniziare la partita già in prima mano.

La regola della manabase.

Come potete vedere anche la manabase è affetta dalla probabilità. Se c’avete fatto caso in genere i mazzi tempo giocano 18-19 terre e i mazzi control si aggirano sempre sulle 23-24 terre. Perché? Si legge dalla tabella:

- Caso1: Canadian Threshold UGr. Se siamo Canadian giochiamo di solito 18 terre. Quindi significa che abbiamo circa il 25% di probabilità di avere una sola terra in opening hand. Tuttavia è molto più probabile che apriate una mano con 2 terre (34%). Infatti la vostra tendenza sarà quella di avere 2 terre in prima mano (almeno 1 partita su 3) mentre sarà più raro, in ordine, aprire con 1 terra o aprire con 3 terre o più. Quindi in realtà 18 terre è il numero giusto per avere stabilità con un mazzo del genere.

- Caso2: Rock WGB. Se siamo Rock giochiamo di solito 23 terre (24 con Maze of Ith, ma non si considera una terra perché non è una fonte di mana). Quindi contiamo 23. Iniziare con due sole terre per un mazzo del genere non è il massimo. Vorremmo sempre avere 3 terre in mano, possibilmente delle fetch. Allora la probabilità di aprire una mano con tre terre deve essere più alta di quella di aprire con due terre o con una terra soltanto. Giocando 23 terre si hanno circa lo stesso numero di probabilità di aprire con tre terre che Canadian avrebbe di aprire con due, quindi nella situazione migliore. Non è la stessa perché dovremmo giocarne più di venticinque per avere il 33%, ma diciamo che il 31% è più o meno la stessa cosa. Ecco che quindi un control che gioca 23 terre deve aspettarsi come “mano ideale” una mano con 3 terre. Inoltre sarebbe dannoso per un mazzo così aprire una mano con quattro terre, pertanto si preferisce aprire con 2 piuttosto che aprire con 4. Se giochiamo 23 terre abbiamo una probabilità di aprire due terre (29%) molto maggiore di quella di aprire con 4 (18%). Se ne giocassimo 25 di terre avremmo una probabilità quasi identica (25% contro 22%). Addirittura in alcuni mazzi modern che necessitano di fare land drop sicuro tutti i turni si arriva a giocare 26 terre e in questa circostanza (anche se non l’ho riportata) la probabilità dei due casi è uguale (23%). Inoltre con 23 terre sarà assolutamente impossibile che chiderete mulligan per aver pescato 7 terre… la probabilità è veramente bassa (parliamo dello 0,00001%).

Immagine

Sfruttare le distribuzioni ipergeometriche per ottimizzare Counterbalance.

Counterbalance è una carta che necessita di una curva di mana studiata appositamente per avere copertura da tutti i cc dei mazzi legacy convenzionali. Ora, è possibile applicare le distribuzioni ipergeometriche alla combo CounterTop per vedere come bisognerebbe ottimizzare la curva di mana del mazzo per avere le migliori probabilità di ottenere il costo desiderato. Per analogia con la formula di sopra si ha che:
La probabilità di trovare 1 copia di una determinata carta con cc desiderato tra le tre carte che si guardano con Sensei’s Divining Top, rivelate dalla cima di un mazzo di n carte è, sapendo che la carta che cerchiamo è disponibile in h copie nel mazzo abbiamo una probabilità P(k) di rivelare la carta giusta.
In sostanza non cambia niente rispetto alla formulazione precedente, soltanto che invece di considerare la mano dobbiamo considerare la cima del grimorio (r=3 e non più 7) e dobbiamo considerare k=1 (perché per stare sicuri vogliamo una sola copia di quella carta con lo stesso cc) e h come il numero di carte con lo stesso cc che abbiamo nel mazzo. Ad esempio prendiamo una lista di Miracle Control che abbia pre-side:

- 24 drop a cc0
- 14 drop a cc1
- 9 drop a cc2
- 3 drop a cc3
- 3 drop a cc4
- 4 drop a cc5
- 3 drop a cc6

Avrà una probabilità di avere il drop giusto tra le prime tre carte in queste percentuali:

- 44% per i drop a cc0
- 42% per i drop a cc1
- 35% per i drop a cc2
- 14% per i drop a cc3
- 14% per i drop a cc4
- 18% per i drop a cc5
- 14% per i drop a cc6

Ho ottenuto questi risultati considerando nella formula: n=60, r=3, k=1 e h=numero di drop.

Ovviamente questo calcolo non è esatto, ma non perché è un calcolo probabilistico. Il motivo risiede nel fatto che voi iniziate il match con 7 carte in mano (che quindi non sono più nel grimorio) e quindi il numero di drop nel mazzo è ridotto. Se pescate in prima mano una Force of Will non avrete più 4 drop a cc5 nel mazzo, ma 3, quindi quando rivelerete la carta di Counterbalance non sarà più 18% ma di meno. Non sarà neanche il 14% perché dipende a che punto siete nella partita: ogni carta che pescate riduce il numero di drop nel mazzo e il numero di carte nel mazzo. Quindi cambiano gli h dentro al mazzo e gli n non sono più 60 ma sempre di meno man mano che pescate. Gia quando avete pescato la mano siete a 53 e via via che pescate dovete togliere una unita da n e dovete togliere una unità dal numero dei drop che avete pescato. Facciamo un esempio. Avete questa lista di Miracle:

Drop a cc0 (h0): 22 terre, 2 Engineered Explosives = 24

Drop a cc1 (h1): 2 Spell Pierce, 4 Sensei’s Divining Top, 4 Brainstorm, 4 Swords to Plowshares = 14

Drop a cc2 (h2): 3 Snapcaster Mage, 2 Counterspell, 4 Counterbalance = 9

Drop a cc3 (h3): 2 Entreat the Angels, 1 Vendilion Clique = 3

Drop a cc4 (h4): 3 Jace, the Mind Sculptor = 3

Drop a cc5 (h5): 4 Force of Will = 4

Drop a cc6 (h6): 3 Terminus = 3



Immaginate di pescare questa mano e immaginate di non mulligare (si lo so non è una mano da tenere, ma è soltanto un esempio):

4 terre, 2 Sensei’s Divining Top, 1 Counterbalance

Se iniziate voi non pescate, quindi avrete sempre k=1 e r=3, ma avrete n=53, h0=20, h1=12 e h2=8. Al turno 2 pescate Snapcaster Mage e giocate Sensei’s Divining Top. Quindi ora n=52 e h2=7. Al turno dopo pescate terra e giocate Counterbalance, quindi n=51 e h0=19. Dal turno 3 in poi dovete fare i conti…
Ora pescate ad esempio Counterspell e siete pronti per counterare. Un giocatore vi lancia una magia e voi a questo punto avete queste probabilità (ottenute con la formula di sopra e con i dati di quel turno):

- 45% per i drop a cc0
- 43% per i drop a cc1
- 37% per i drop a cc2
- 16% per i drop a cc3
- 16% per i drop a cc4
- 21% per i drop a cc5
- 16% per i drop a cc6

Come si vede le probabilità di counterare una magia a cc3 (punto dolente di Counterbalance) sono aumentate, semplicemente perché si sono ridotte le carte nel grimorio e siccome non abbiamo pescato drop a cc3 abbiamo di fatto aumentato le possibilità di averne uno in cima. I drop a cc0 e a cc1 sono aumentati in probabilità perché ne abbiamo talmente tanti che pesa di più il fatto di avere meno carte nel grimorio che il fatto di averne alcuni in mano. Lo stesso vale ancor di più per i drop a cc2.
Ma se invece di Snapcaster Mage avessimo pescato Vendilion Clique? A quel punto le percentuali cambierebbero molto perché avremmo sensibilmente ridotto i drop a cc3: ora infatti dovremmo rifare i conti con h3=2 e h2=9:

- 45% per i drop a cc0
- 43% per i drop a cc1
- 37% per i drop a cc2
- 11% per i drop a cc3
- 16% per i drop a cc4
- 21% per i drop a cc5
- 16% per i drop a cc6

In generale quindi possiamo dire questo: se vi aspettate che il mazzo del vostro avversario abbia cc bassi andate tranquilli in ogni caso. Se vi aspettate che potrebbe avere costi fastidiosi ma non potete sidare out Counterbalance dovete fare in modo di non pescare i drop a cc3, 4 o quello che sia, quindi se ce l’avete in mano sapete già che avete una probabilità molto più bassa di rivelarlo dalla cima. Questo dovrebbe anche indurvi a pensare su come ottimizzare i counters che avete in mano: se pescate Vendilion Clique sapete già che i counters che avete in mano dovranno andare sulle magie a cc3, perché con CounterTop non siete protetti (ovvero, siete protetti solo all’11%).

-------------------------------------------------


Ultima modifica di BLU JP il mar 23 apr 2013, 10:32, modificato 7 volte in totale.
Top
 Profilo  
 

 Oggetto del messaggio: Re: [Article] Le regole dimostrate dalla statistica-G.Ferran
MessaggioInviato: lun 22 apr 2013, 12:19 
Avatar utente
Punctilious Titan

Iscritto il: gio 8 nov 2007, 19:34
Messaggi: 1626
Allucinante :-> grazie per quest'ennesima traduzione, sempre utile.

Giusto in calce per chi non avesse i fondamenti di statistica, un numero x seguito dal punto esclamativo ( x! ) è un numero fattoriale, ovvero il prodotto di tutti i numeri positivi interi compresi tra uno e il numero stesso (per fare un esempio, 5! non è CINQUE!, ma 5 x4 x3 x2; teoricamente anche x1, ovviamente). In questo modo, la formula in apertura dell'articolo è facilmente utilizzabile da chiunque.

Per il resto ancora grazie e complimenti per il lavoro che fai :P


"The awestruck birds gazed at Wonder. Slowly, timidly, they rose into the air."

Memories of the Time ha scritto:
Non potevano sputare dentro ai pacchetti invece di mettere questa rara? ^^
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: [Article] Le regole dimostrate dalla statistica-G.Ferran
MessaggioInviato: lun 22 apr 2013, 19:01 
Avatar utente

Iscritto il: ven 29 lug 2011, 12:38
Messaggi: 226
Giampaolo Ferranti sono io. Chiariamo una situazione riguardante questo articolo.
Rispondo solo ora perchè ho finito adesso di occuparmente.

Sono un ingegnere e sul computer di lavoro faccio simulazioni con un programma che mi occupa il quasi il 100% della CPU. Quindi per navigare e occupare il tempo sono costretto ad usare un secondo computer (che per fortuna contiene solo cazzate) Questo articolo non dovrebbe essere qui ma in quel computer... Avevo intenzione di postare quello delle fetch ma fui anticipato da AlbasieFurlan e stavo pensando di scrivere questo, ma non era finito (d'altronde non ho proprio tantissimo tempo).

Qualche mese fa ricevetti una mail che mi dava come indirizzo quella di un mio amico, ma in realtà era un virus o un trojan o qualche cosa del genere. Avrei dovuto capirlo perchè l'oggetto della mail era vago. Fatto sta che mi sono giocato il computer. Ho recuperato tutti i file ma evidentemente quel virus era uno di quei cosi che ti permette di estrapolare i file dagli altri computer (adesso non mi ricordo come si chiamano) e quindi qualcuno si è potuto Hackerare tutti i file del mio computer.
Leggendo il titolo di questo post ho letto il mio nome e quando l'ho visto mi sono usciti gli occhi fuori dalle orbite... ma come è possibile? inizialmente non sapevo come fosse possibile che fosse finito qui... Poi ho pensato che Albasie generalmente cerca gli articoli strategici in rete, allora dopo qualche ricerca ho visto una pagina web di Altervista dove compariva quell'articolo. Mi sono mobilitato subito per cercare di capire che cosa stava succedendo e grazie a mio fratello avvocato ho risolto il problema: ho contattato Altervista e gli ho spiegato che il sito conteneva dei file miei. Una volta che gli ho spiegato la situazione si sono mobilitati subito e gli hanno chiuso il sito e bloccato l'account, assicurandomi che avrebbero controllato in futuro pagine di questo tipo. Per fortuna non mi sono stati "rubati" file di lavoro (perchè furbescamente non li tengo sul computer dove navigo). La faccenda si è conclusa così perchè non è possibile risalire a chi è stato anche perchè sicuramente avrà immesso dati falsi. Purtroppo mi è gia capitato con eBay che un cinese mi hackerasse l'account. Per fortuna però ora è tutto risolto perchè ho preso tutte le dovute precauzioni. Non credo sia stato qualcuno di questo forum però sicuramente è stato qualcuno che c'ha molta dimistichezza con i computer.

A questo punto affinchè questo non si ripeta più due cose:

- Non fate la cazzata che ho fatto io per distrazione di non controllare l'oggetto della mail.
- Ricordatevi di installarvi un anti-Malware (cosa che ho fatto adesso).

@AlbasieFurlan. Non mi potevi contattare perchè il sito non era mio e perchè quell'articolo non è stato pubblicato da nessuna parte. Ormai l'hai pubblicato quindi non ti preoccupare va bene così :D
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: [Article] Le regole dimostrate dalla statistica-G.Ferran
MessaggioInviato: lun 22 apr 2013, 20:01 
Avatar utente
Don Quijote

Iscritto il: sab 12 dic 2009, 23:24
Messaggi: 1078
Località: In fondo alla sala
Nickname Cockatrice: Walker Boh
Oh, finalmente posso parlarti, allora. A breve ti scriverò un PM :)

Avevo provato a usufruire dell'opzione "contattami" presente su quel sito, ma non era andata a buon fine ( come me anche altri utenti del forum vi avevano provato invano).
Ti dico comunque qui pubblicamente (e te lo posso confermare anche in privato), che non c'era alcuna intenzione da parte mia di far passare per mio lavoro altrui.Spero comunque che fosse chiaro. :)
Se preferisci posso anche cancellare questo topic(se lo ritieni necessario), e/o fartelo modificare come meglio credi.
Nel caso, fammi sapere.
Grazie,
Fabio


Puoi pure non guardare, ma non è possibile che non vedi.
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: [Article] Le regole dimostrate dalla statistica-G.Ferran
MessaggioInviato: lun 22 apr 2013, 20:38 
Avatar utente

Iscritto il: ven 7 set 2012, 12:15
Messaggi: 13
Dato che abbiamo l'autore qui con noi, ne approfitto per porgere una domanda, oltre che congratularmi bel l'ottimo lavoro.
Andando al punto, esiste uno strumento che mi permetta di calcolare la probabilità che accadano due eventi contemporaneamente, ovvero nel caso specifico delle figurine, che io abbia la carta X e la carta Y insieme di prima mano?
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: [Article] Le regole dimostrate dalla statistica-G.Ferran
MessaggioInviato: lun 22 apr 2013, 21:07 
Avatar utente
Moderatore

Iscritto il: dom 24 ott 2010, 23:08
Messaggi: 1237
Località: Savona
Nickname Cockatrice: Noctalor
A me interesserebbe sapere quante probabilità ci sono che in un mazzo di cinque carte contenente tre carte diverse e due uguali io riesca ad avere la sequenza da me voluta mischiando il mazzo.

Diciamo che chiamiamo A, B, C, la tre carte diverse e D le due uguali, quante probabilità ho di avere le cinque carte disposte in modo che A sia la prima e B l'ultima (senza considerare l'ordine delle altre tre)?

Quante probabilità ho invece di avere una sequenza dove A sia la prima, B sia l'ultima e C sia o la seconda o la terza?

Se qualcuno mi risponde (con cognizione di causa) mi fa un favore :D


Immagine
Memories of the Time ha scritto:
"You either die a Onesto-Player, or live long enough to see yourself become a Dredger"

Immagine
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: [Article] Le regole dimostrate dalla statistica-G.Ferran
MessaggioInviato: lun 22 apr 2013, 21:13 
Avatar utente

Iscritto il: ven 29 lug 2011, 12:38
Messaggi: 226
Abbiate solamente una nottata di pazienza :D ... Vi risponderò domani con calma, ora sto avvisando alcune persone che tutta la faccenda è stata sistemata.
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: [Article] Le regole dimostrate dalla statistica-G.Ferran
MessaggioInviato: lun 22 apr 2013, 21:43 
Avatar utente
Lich Overlord

Iscritto il: sab 21 apr 2007, 13:51
Messaggi: 4908
Località: Genova
Nickname Cockatrice: Malhavoc
Ah, tra le varie opzioni segnalo che possiamo anche semplicemente cambiare l'autore del post iniziale, così eventualmente anche per utenti futuri diventa più chiaro a chi mandare pm molesti per fare domande :P


Immagine
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: [Article] Le regole dimostrate dalla statistica-G.Ferran
MessaggioInviato: mar 23 apr 2013, 9:41 
Avatar utente

Iscritto il: ven 29 lug 2011, 12:38
Messaggi: 226
Eccomi come promesso.

Deynx ha scritto:
esiste uno strumento che mi permetta di calcolare la probabilità che accadano due eventi contemporaneamente, ovvero nel caso specifico delle figurine, che io abbia la carta X e la carta Y insieme di prima mano?


Si. devi fare lo stesso procedimento separatamente per le due carte e poi moltiplichi i risultati. Ti faccio un esempio.
Voglio sapere quant'è la probabilità che io apra una mano iniziale con un Argothian Enchantress e un Utopia Sprawl di prima mano. Se nel mazzo ho 4x di tutti e due allora calcolo per ognuna la probabilità di averle di prima mano come scritto sopra: 33,6% una e 33,6% l'altra. Moltiplichi due risultati tra loro e ottieni l'11,28% che i due eventi si verifichino contemporaneamente. Lo puoi fare anche con più di due carte, allo stesso modo moltipilichi tra loro i risultati finali.

@Noctalor
La tua domanda è più difficile e non me lo ricordo così su due piedi, ma andrò a riconsultare qualche libro di statistica e ti farò sapere il prima possibile, sempre che non lo faccia prima qualcun altro :D

@Malhavoc
Ok per me andrebbe bene questa soluzione che hai proposto :D
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: [Article] Le regole dimostrate dalla statistica-G.Ferran
MessaggioInviato: mar 23 apr 2013, 9:48 
Avatar utente
Don Quijote

Iscritto il: sab 12 dic 2009, 23:24
Messaggi: 1078
Località: In fondo alla sala
Nickname Cockatrice: Walker Boh
BLU JP ha scritto:
@Malhavoc
Ok per me andrebbe bene questa soluzione che hai proposto :D

Si, ci sta. A Cesare quel che è di Cesare.
Vorrà dire che per sentirmi in pace con la mia coscienza pubblicherò un altra traduzione questa settimana :D


Puoi pure non guardare, ma non è possibile che non vedi.
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: [Article] Le regole dimostrate dalla statistica-G.Ferran
MessaggioInviato: mar 23 apr 2013, 9:56 
Avatar utente
Lich Overlord

Iscritto il: sab 21 apr 2007, 13:51
Messaggi: 4908
Località: Genova
Nickname Cockatrice: Malhavoc
BLU JP ha scritto:
@Malhavoc
Ok per me andrebbe bene questa soluzione che hai proposto :D



Fatto. Ora che il thread è tuo puoi anche modificare l'incipit del topic.


Immagine
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: [Article] Le regole dimostrate dalla statistica-G.Ferran
MessaggioInviato: mar 23 apr 2013, 9:59 
Avatar utente

Iscritto il: ven 25 gen 2008, 22:45
Messaggi: 1304
Località: Melbourne (AU)
ATTUALMENTE BANNATO
Comunque, GENIO! GENIO! Ce ne fossero di persone utili al gioco competitivo come il qui presente smanettone statistico, invece delle scimmie che montano mononero. :->


Immagine Immagine
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: [Article] Le regole dimostrate dalla statistica
MessaggioInviato: mar 23 apr 2013, 10:41 
Avatar utente

Iscritto il: mer 5 set 2012, 14:09
Messaggi: 162
stai togliendo la magia al gioco asd tanto a san chiappa non la batte nessuna distribuzione :->
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: [Article] Le regole dimostrate dalla statistica
MessaggioInviato: mar 23 apr 2013, 11:17 
Avatar utente

Iscritto il: ven 29 lug 2011, 12:38
Messaggi: 226
ahah vabbè ma tutto questo è vero solo in teoria... sai quante volte mi è capitato di aprire sette terre con un mazzo da 21 terre? la probabilità che ciò accada è classificabile tra gli eventi praticamente impossibili eppure mi è successo tante volte, perciò queste cose vanno sempre prese un po con le pinze :D
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: [Article] Le regole dimostrate dalla statistica-G.Ferran
MessaggioInviato: mar 23 apr 2013, 11:35 
Avatar utente

Iscritto il: dom 4 gen 2009, 17:22
Messaggi: 275
BLU JP ha scritto:
Eccomi come promesso.

Deynx ha scritto:
esiste uno strumento che mi permetta di calcolare la probabilità che accadano due eventi contemporaneamente, ovvero nel caso specifico delle figurine, che io abbia la carta X e la carta Y insieme di prima mano?


Si. devi fare lo stesso procedimento separatamente per le due carte e poi moltiplichi i risultati. Ti faccio un esempio.
Voglio sapere quant'è la probabilità che io apra una mano iniziale con un Argothian Enchantress e un Utopia Sprawl di prima mano. Se nel mazzo ho 4x di tutti e due allora calcolo per ognuna la probabilità di averle di prima mano come scritto sopra: 33,6% una e 33,6% l'altra. Moltiplichi due risultati tra loro e ottieni l'11,28% che i due eventi si verifichino contemporaneamente. Lo puoi fare anche con più di due carte, allo stesso modo moltipilichi tra loro i risultati finali.




Complimenti per il pezzo, innanzitutto! Nell'esempio da te considerato, però, credo che sia più corretto usare una distrubuzione ipergeometrica multivariata, invece di moltiplicare semplicemente i valori. Questo perchè i due eventi (trovo Argotiana e trovo Utopia Sprawl) non sono indipendenti: in una mano che ha già un'argotiana è più difficile vedere anche una sprawl (una carta in meno in cui vederla) e viceversa. Un veloce conto mi ritorna una probabilità per l'evento leggermente più bassa, del 10,8%.
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  

Scrivi un nuovo argomento Rispondi al messaggio Pagina 1 di 4   [ 46 messaggi ]
Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron



Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Style designed by Artemis

Magic the Gathering is TM and copyright Wizards of the Coast, Inc, a subsidiary of Hasbro, Inc. All rights reserved
All art is property of their respective artists and/or WotC

Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010